Header Ads Widget

Il Golfo batte Gallarate e continua a volare


La splendida monotonia dei gialloblu, sempre vincenti nelle difficoltà
Ancora una vittoria per un Golfo in emergenza, vittoria ottenuta senza due titolarissimi, oltre all’infortunato De Zardo, è inutilizzabile anche Azzaro, alle prese con il mal di schiena. Anche Gallarate ha le sue defezioni, seppur dalla panchina, infatti mancano Clerici e Gravaghi, due importanti cambi nelle rotazioni di coach Gambaro. Piombino condurrà tutto il match, mettendo la museruola al tiratore Passerini e dopo le difficoltà in avvio su Hidalgo, il cui naturale marcatore sarebbe stato De Zardo, nel secondo quarto aggiusta la difesa e spenge anche il colored gallaratese. L’avvio è di marca gialloblu, in campo, Mazzantini prende il posto di De Zardo e Bianchi quello di Azzaro. Nonostante qualche errore di troppo da sotto, dove il solo Tiberti pare in grado di fare male, Piombino dalla distanza colpisce con Piccone, Mazzantini e due volte con Bianchi, mantenendosi sempre in vantaggio e toccando il più 8, con due liberi di Pedroni. Hidalgo sfrutta i miss match favorevoli e tiene in carreggiata i suoi e nel finale è Antonelli, con due jumper, dalla media a riportare Gallarate sul meno uno, 20 a 19. Un ottimo Tintori, su assist di Bianchi, apre il secondo quarto, ma due canestri consecutivi di Antonelli e Calzavara, danno quello che sarà l’unico vantaggio ospite nella gara. Con Venucci e Piccone che faticano a trovare la retina da lontano, ci pensano i lunghi Tiberti e Tintori a mantenere le percentuali da tre su buoni livelli. Piombino torna davanti e nel finale di quarto, con un parziale di 7 a 0, chiuso da due liberi di Venucci, il Golfo si porta sul più 9, ma una palla persa, sul rimbalzo difensivo, da a Gallarate due secondi per l’ultimo tiro, che Calzavara, da dieci metri, mette dentro per il 39 a 33 al riposo lungo. Tre perse dei gialloblu in avvio di terzo quarto sembrano un cattivo presagio, ma invece sarà il quarto in cui Bianchi e compagni daranno la spallata decisiva. La difesa gialloblu morde e Gallarate segnerà solo 10 punti, perdendo ben 7 palloni nel quarto. Quarto che vede accendersi Piccone, che segna 9 punti nel parziale e nel finale sono due canestri di Bianchi a siglare il massimo vantaggio, sul più 13, 56 a 43. In avvio di quarto finale, le bombe di Pedroni e di un grande Bianchi, danno il più 17 e forse i gialloblu pensano che la partita sia finita, arriva così un mini break di 8 a 0, che porta Gallarate a meno 9 a metà quarto. Ma Camillo, con la quarta bomba di serata, rimette nel cassetto i sogni degli ospiti e quando il capitano schiaccia in contropiede il più 14, il Palatenda esplode, Piccone fa il più 17, Tiberti il più 19 e Pedroni il più 21 e il film del match inizia a far scorrere i titoli di coda. Finisce 76 a 63. Un grande Golfo, che continua a stupire, per il carattere che dimostra ogni volta a fronte di grandi difficoltà e che lo fa sedere meritatissimamente su quel prezioso quarto posto, a soli due punti dalla vetta della classifica e adesso c’è la supersfida di Legnano.
Solbat Piombino - Esse Solar Gallarate 76-63 (20-19, 19-14, 17-10, 20-20)
Solbat Piombino: Camillo Bianchi 22 (5/8, 4/11), Fabrizio Piccone 15 (3/8, 3/6), Edoardo Tiberti 13 (5/12, 1/3), Mattia Venucci 9 (3/6, 0/5), Edoardo Pedroni 7 (1/3, 1/3), Tommaso Tintori 7 (1/1, 1/1), Dario Mazzantini 3 (0/1, 1/4), Francesco Rossato 0 (0/0, 0/0), Alessandro Azzaro 0 (0/0, 0/0), Elia Barsotti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 7 / 10 - Rimbalzi: 46 14 + 32 (Edoardo Tiberti 21) - Assist: 17 (Mattia Venucci 5)
Esse Solar Gallarate: Andrea Filippi 14 (6/13, 0/0), Shaquille Hidalgo quiroz 13 (5/8, 0/2), Riccardo Antonelli 13 (6/13, 0/1), Marco Calzavara 9 (2/3, 1/6), Federico De bettin 5 (1/6, 1/3), Lorenzo Ielmini 5 (1/2, 1/2), Dejan Bresolin 2 (1/2, 0/0), Alessio Paparella 2 (1/1, 0/0), Federico Passerini 0 (0/1, 0/3), Matteo Basso 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 8 / 10 - Rimbalzi: 34 7 + 27 (Riccardo Antonelli 12) - Assist: 12 (Shaquille Hidalgo quiroz, Federico Passerini 3)

di Stefanini Stefano

Posta un commento

0 Commenti